DOMENICA 10 SETTEMBRE

Ore 10.00 - Calata Mazzini

 

Sbarco delle botti.  Rievocazione storica del tradizionale sbarco delle botti di vino dal leudo Zigoela al mare e alla calata. In antichità i leudi portavano i vini da Toscana, Sardegna, Cinque Terre che venivano sbarcati nelle calate del borgo e poi caricati nei grandi velieri lericini.

In piazza, degustazione di vini locali nel Pirrun, boccale tipico popolare, utilizzato un tempo sulle navi e nelle osterie locali.

Interviene Mario Dentone, storico e scrittore.

Ore 10.00 - Pontili d’imbarco

Libri a bordo

Ore 11.00 - L’angolo dei bambini

 

Laboratorio: la mia opera di mare

con Olga Tartarini, Valentina Bosello, Raffaella Biffignandi.

Ore 12.00 - L’epopea della vela ottocentesca.

 

Storie di bordo, ammutinamenti, intrighi, seduzioni con un’eroina, La Capitana, bella e coraggiosa. Un romanzo di Mario Dentone che parlerà anche di altre storie di mare presentando l'anteprima del suo prossimo libro.

Introduce Massimo Gualco

Ore 15.00 - Salvaguardiamo il mare.

Quasi 5500 miliardi di pezzi di plastica galleggiano nei mari di tutto il mondo. Numeri in continua, esponenziale crescita: si stima che nel 2050 il peso delle plastiche in mare supererà quello dei pesci.

Nel suo libro Un mare di plastica Franco Borgogno, giornalista, fotografo e guida naturalistica, aiuta a prendere coscienza del più grave e diffuso inquinamento moderno, guidando ai comportamenti da evitare, nella vita di ogni giorno, per non compromettere il mare e il futuro del nostro pianeta. Introduce Tiziana Cima. (Seguirà un’uscita in mare per fare un campionamento con il manta trawl).

Ore 16.00 - La vita quotidiana dei marittimi liguri.

Come viveva un marinaio del XVIII secolo? Quali erano i suoi problemi quotidiani a bordo delle navi e a terra? Come faceva carriera? Come poteva diventare padrone o capitano? Quali erano i contrasti che sorgevano fra la gente di mare? A quale autorità ci si poteva rivolgere per dirimere le liti? Luca Lo Basso, nel suo libro Gente di bordo - La vita quotidiana dei marittimi genovesi nel XVIII secolo risponde a queste domande.  Introduce C.te Giorgio Pagano

Ore 17.00 - Le scorrerie dei pirati barbareschi.

Per secoli le nostre coste sono state infestate dalle scorrerie dei Pirati Barbareschi. Marco Biagioni, nel suo nuovo libro I corsari barbareschi nel territorio spezzino, racconta l'attività predatrice barbaresca, il contrabbando, i controlli di sanità, la sicurezza del Dominio di Terraferma e la tutela della giurisdizione sul mar Ligure, principali problematiche che Genova dovette affrontare durante i secoli dell'età moderna. Introduce Euro Puntelli

Ore 17.00 leudo Zigoela

dimostrazione di campionamento con il manta trawl, per documentare la presenza di plastiche e microplastiche nel mare con Franco Borgogno.

Ore 18.00 - Passaggio a nord- ovest.

Nel 2012 il Best Explorer di Nanni Acquarone è passato alla storia come prima barca a vela italiana, con equipaggio interamente italiano, ad aver completato il passaggio a Nord-Ovest. Partito da Tromsø (Norvegia) il 1º giugno 2012 è arrivato a King Cove, Alaska, il 13 ottobre 2012 percorrendo 8.200 miglia in 140 giorni, seguendo quasi esattamente la rotta di Amundsen. L’armatore/comandante torinese, Giovanni Acquarone e Salvatore Magri, che hanno fatto parte dell’equipaggio racconteranno in Senza bussola fra i ghiacci l’appassionante avventura delle otto tappe previste. Introduce Marco Equi

Ore 21.00 - La Nave Scuola Garaventa

INCONTRO. La nave scuola Garaventa a cent’anni dalla morte di Nicolò Garaventa.

D'impatto e terrore per generazioni di giovani liguri, le navi scuola Garaventa furono usate come spauracchio da mamme e nonne, da fine '800 agli anni '70 del '900. In realtà opera sociale meritoria per educare ragazzi "difficili". Un incontro su Nicolò Garaventa - grande "pedagogista" che verso la fine del XIX secolo pensò di aiutare le famiglie con ragazzi "ribelli" tramite una severa educazione "marinara". La Garaventa fu operativa sino al 1975 nel porto di Genova, centinaia i garaventini che in quasi 100 anni furono imbarcati e aiutati. Emilia Garaventa, nipote dell’educatore, ne parla con Margherita Manfredi e Laura Toracca. A seguire consegna del premio Società Marittima alla Solidarietà in Mare. Conclusioni di Bernardo Ratti.

Vedi anche